Bagno Sonoro

Con gong, campane tibetane e strumenti ancestrali

GONG

 

Un Giovedì al mese alle 20:30 (inizio: contattare istruttore)

Per contattare l’insegnante Cristian Matteini:
Cell. 3349486856
E-mail cristianmatteini@libero.it

Il massaggio sonoro segue il principio della risonanza/consonanza: il suono si espande con movimenti circolari, che agiscono sui blocchi energetici agevolandone lo scioglimento.

Le armoniche naturali emesse dal gong provengono dalla sua forma e dalla struttura più o meno ricca di metalli preziosi coprono un’ampia gamma sonora, da vibrazioni molto basse e profonde a suoni acuti e cristallini con una continuità armonica senza pari. Chi riceve rimane sdraiato sulla schiena ricevendo l’energia del suono del gong. Il suono del gong ha sicuramente un potere terapeutico profondo, particolarmente utile per le persone che faticano a lasciar andare la mente logica. Durante l’esperienza si raggiunge uno stato di leggerezza mentale ed assenza di pensiero che conducono alla meditazione pura.

 

IL GONG

Le armoniche naturali emesse dal gong posseggono un’intonazione tutta loro, estranea alle scale comunemente intese.

Le sue caratteristiche armoniche che provengono dalla sua forma e dalla struttura più o meno ricca di metalli preziosi coprono un’ampia gamma sonora, da vibrazioni molto basse e profonde a suoni acuti e cristallini con una continuità armonica senza pari.

Il bagno sonoro con il Gong agisce sulle onde cerebrali trasformando le frequenze da Beta (dai 14 ai 30 hertz, in un soggetto cosciente) ad Alfa (dai 7 ai 14 hertz, sono tipiche della veglia ad occhi chiusi e della meditazione) e Theta (dai 4 ai 8 hertz, caratterizzano gli stadi 1 e 2 del sonno REM e ipnosi), creando un profondo rilassamento meditativo.

Si dovrebbe riflettere sul fatto che gli 8Hz, sono anche la frequenza della replicazione della doppia elica del DNA. Questa frequenza ha effetti su visceri e organi interni, oltre che sulla struttura ossea e muscolare. Fra l’altro gli 8 hertz stimolerebbero la ghiandola pineale, associata alla produzione di melatonina (sostanza che favorisce il sonno), serotonina, utile per migliorare il funzionamento del sistema immunitario, somatotropina, il cosiddetto ormone della vita. Inoltre secondo alcuni studiosi la frequenza 8hz sincronizza i 2 emisferi cerebrali.

Il Gong è strumento di origine Sciamanica. Sembra sia nato oltre 6.000 anni fa nell’Asia ed usato dagli Sciamani per il suo potere di “Guaritore dell’anima”.

Il “Bagno di Gong” è un massaggio vibrazione molto profondo, sintonizza il corpo fisico e spirituale alla più ampia risonanza.

Chi riceve rimane sdraiato sulla schiena ricevendo l’energia del suono del gong.

Le vibrazioni sonore mettono in risonanza il sistema delle 72.000 Nadi (canali energetici) rimuovendo tensioni e blocchi energetici, permettendo il naturale fluire dell’energia rigeneratrice nel nostro essere.

Il suono del gong ha sicuramente un potere terapeutico profondo, particolarmente utile per i soggetti che faticano a lasciar andare la mente logica.

Gli effetti benefici del suono si hanno anche nei giorni successivi al bagno. Ha di fatto un potere rasserenante e trasformativo. Agisce sul corpo fisico ma anche sui corpi più sottili. Il bilanciamento arriva a livello mentale, emotivo e spirituale.

Durante l’esperienza si raggiunge uno stato di leggerezza mentale ed assenza di pensiero che conducono alla meditazione pura.

Una leggenda dice che Maitreya, il Buddha del futuro (e della compassione) tornerà attraverso il canto dei Gong.

CONTROINDICAZIONI

Il gong è uno strumento molto potente e di trasformazione.

Ci possono essere alcune controindicazioni da non sottovalutare:

– Le persone che soffrono di gravi problemi di salute mentale

– Le donne che si trovano nel primo e ultimo trimestre di gravidanza

– I bambini sotto i 7 anni

 

LE CAMPANE TIBETANE

Una delle caratteristiche principali delle campane tibetane è la loro composizione. Le campane tibetane meno pregiate vengono fabbricate con il bronzo mentre gli strumenti più preziosi e dunque più ricercati devono contenere una lega formata da sette metalli che vengono collegati ai principali pianeti del sistema solare.

Ecco quali sono i 7 metalli che dovrebbero essere sempre presenti in una campana tibetana pregiata:

Argento per la Luna

Ferro per Marte

Mercurio per l’omonimo pianeta

Rame per Venere

Stagno per Giove

Piombo per Saturno

Oro per il Sole

Il massaggio sonoro con le campane tibetane segue il principio della risonanza/consonanza: il suono si espande con movimenti circolari, che agiscono sui blocchi energetici agevolandone lo scioglimento.

Altri strumenti usati sono i sonagli, il bastone della pioggia e il tamburo sciamanico.

 

Cristian Matteini
Ricercatore nell’ambito della crescita personale e tradizioni spirituali. 
Dopo aver sperimentato diverse tecniche olistiche tra cui P.E.M. , Karuna reiki, massaggio metamorfico, Polarity Terapy (corso base 100 ore) e Costellazioni Sistemiche nel 2017 porta a termine la formazione per trattamenti individuali e di gruppo in Gong sciamanico e strumenti ancestrali con la formatrice Valeria Boari.